VUOI IMPARARE A CUCINARE ???

Abbiamo trovato il modo più divertente per farlo!

Cooking Party e Team Cooking Events a Bologna

Su richiesta organizziamo anche Show Cookings, Feste di Compleanno e Feste di addio al nubilato...

Chi siamo? Kitchendate è una associazione enogastronomica...

La cucina non è mai stata così aggregante e sociale!

BastardChef. Maurizio Crozza: Joe, sembra il mappazzone di MasterChef!

Maurizio Crozza rilancia con la seconda puntata del suo MasterChef, ops, BastardChef su La7. Il Joe Bastianich, che diventa Bastardich in Crozza nel Paese delle Meraviglie, affonda e colpisce ancora mettendo alla berlina manie e tic del vero Restaurant Man nonché giudice inflessibile del talent show cui molti gastrofanatici si rapportano (e si identificano).

Si parte subito con la dichiarazione d’intenti che precede la sigla di inizio: “Poi ci sono i Talent! Esordienti che provano a fare un lavoro, giudicati da gente pagata per maltrattarli… Talent? Ma non si chiamava mobbing?”.

La prima puntata aveva dato il la al refrain “Io muoro” che faceva seguito al gesto dello sputare il contenuto del piatto che molte polemiche aveva alzato. In questa nuova puntata, Crozza-Bastardich rispolvera il mappazzone identificatore delle porzioni fin troppo abbondanti dell’idraulico Guido della Marranella, il quartiere al limitare del Pigneto a Roma.

La parodia del giudice Bastianich continua con l’altrettanto famoso motivo di “Mi hai diluso. Mi stai diludendo“. Lo schema appare già ben collaudato: i concorrenti si fanno vessare e Crozza gioca al giudice incazzoso e prevenuto con il cane pronto a pisciare per esprimere il proprio giudizio negativo sul piatto preparato. Che mai si potrebbe servire al suo ristorante stellato di New York. Nemmeno se a prima vista sembra ben fatto. A trionfare in questa puntata, come in quella precedente, sarà alla fine il piatto più basico. Se la scorsa settimana era stato Gargiulo a “passare il turno” con le scaloppine ai funghi, questa volta trionfa l’insalata in busta di Nazareno che deve recuperare. “Ti salvi solo se hai fatto capolavoro”. Insalata con sorpresa dello chef. Che non è il pezzo di plastica, spudorato rivelatore dell’origine del banco frigorifero del supermercato, ma la scatoletta di carne in gelatina (!?). Si potrà mai mettere nel famoso ristorante di New York? Certo che sì: basta cambiargli nome – spiega Crozza-Bastianich – e chiamarlo Profumo d’Orto per proporlo a 50 dollari. E il gioco è fatto: inutile parlare di massimi sistemi a BastardChef. Basta riempire il piatto.

Quali saranno le frasi più gettonate della settimana dopo il muoro della volta scorsa? Proviamo a metterle insieme.

  1. Da piccolo anche il tuo amico immaginario ti ha mandato a cagare?
  2. Da piccola ti tiravano in aria e poi non ti prendevano
  3. O mai GAD, questa è merda di vacca. Una vacca che ha mangiato copertoni bruciati
  4. Questa è merda condita con merda
  5. Se cane vede questo chiama gli amici e fa piscia party sopra
  6. Mi prendi culo?
  7. Io mangio questo, muoro, poi risuscito, poi rimuoro
  8. Niente mapazzoni, alooraaaa. Allooooraaaaaa
  9. A vederlo sembra un mapazzone
  10. Abbandonate lo studio. E’ un mappazzone

[Fonte dell’articolo Scattidigusto]

Lascia una risposta

 

 
 
previous next